Acqua di Colonia: curiosità e consigli

La nascita dell’acqua di colonia, da sempre simbolo di eleganza e ricercatezza, risale alla fine del XVII secolo, quando il piemontese Giovanni Paolo Feminis, trasferitosi in Germania (a Colonia, città da cui deriva il nome) mise a punto l’ormai famosa acqua profumata, che ben presto venne esportata in tutto il mondo, e la cui ricetta originale resta ancora oggi un mistero.Merito, forse, anche delle decantate, ma mai ufficialmente confermate, proprietà medicamentose (si pensava, infatti, che l’acqua di colonia fosse in grado di guarire qualunque malattia, compresa la peste), questo nuovo prodotto attirò ben presto l’attenzione di personalità provenienti da tutto il mondo, alcune delle quali sono a noi ben note: da Napoleone a Voltaire, comprendendo la Regina Vittoria e Goethe. Successivamente, il rapido sviluppo e il sempre maggiore apprezzamento, fecero sì che l’acqua di colonia diventasse un marchio distintivo degli appartenenti agli ambienti aristocratici e alto-borghesi. Ma cos’è l’acqua di colonia? In questo articolo ne scopriremo qualcosa in più: la composizione, la funzione, l’utilizzo e le controindicazioni.

Acqua di Colonia

COS’È L’ACQUA DI COLONIA

Si tratta di un distillato composto da diverse essenze (che variano tra le 25 e le 30), la cui principale è il bergamotto. A questa seguono l’essenza di limone, di arancia, di mandarino, di cedro, di pompelmo. Vi sono poi le varianti più particolari, quali alla lavanda, alla magnolia o quella al gelsomino. La quantità di essenza di profumo che contiene varia dal 3% al 5% (mentre in origine ne conteneva dal 7% al 15%), ed è questo che la differenzia dall’Eau de Toilette e dall’Eau de Parfum (che ne contengono, rispettivamente, dal 6% al 9% e dal 10% al 14%).

L’ACQUA DI COLONIA A COSA SERVE?

Se volete profumare fino a sera, sentirvi freschi anche durante le giornate afose d’estate, sentirvi a vostro agio anche quando avete percorso chilometri in un’affollata metropolitana o al termine di un lungo viaggio, l’acqua di colonia naturale è il prodotto che fa al caso vostro. Si tratta infatti di un composto dalle proprietà deodoranti, che ha il pregio di non essere eccessivamente intenso, grazie alla ridotta quantità di essenza di profumo contenuta al suo interno. Questo fa sì che, se usate l’acqua di colonia in modo adeguato, verrà percepita come non eccessiva, e conseguentemente fastidiosa, da chi vi sta intorno.

Acqua di Colonia a cosa serve

L’ACQUA DI COLONIA COME SI USA?

Come si usa l’acqua di colonia? La prima cosa da fare per utilizzare al meglio la vostra acqua di colonia è capire dove va applicata, quali sono i punti su cui è bene insistere. Il consiglio è quello di applicarla nei punti più caldi, quelli in cui è più facile sentire il battito cardiaco: il calore del vostro corpo, infatti, consente alla fragranza di diffondersi per un periodo di tempo più lungo. E’ quindi buona regola spruzzare sul collo, sui polsi e sul petto (soprattutto se parliamo di un’acqua di colonia uomo), come si è soliti fare con il profumo. In aggiunta, potete applicarla dietro alle orecchie utilizzando un dito, quindi senza spruzzarla direttamente.

L’ACQUA DI COLONIA HA CONTROINDICAZIONI?

La domanda sorge spontanea: L’acqua di colonia è sicura? In realtà, come molti altri prodotti di bellezza sono presenti sostanze che potrebbero essere dannose per la tua pelle perché fonte di irritazione. In particolar stiamo parlando dell’alcol contenuto. Infatti, come qualsiasi altra fragranza è composta da oli essenziali, da ingredienti naturali o sintetici utilizzati per profumare, da acqua e soprattutto da alcol. Più nel dettaglio la tipologia di alcol utilizza in questo prodotto è chiamato alcol denaturato ed è simile all’ etanolo con l’aggiunta di additivi che lo rendono estremamente pericoloso da ingerire ma che svolge un’importante funzione battericida e agisce come conservante del prodotto. Il vantaggio dell’utilizzo di questa tipologia di alcol è che è inodore e quindi non maschera il profumo dell’acqua di colonia. Inoltre, ha il vantaggio di evaporare rapidamente e far traspirare il profumo nell’aria. Se questi sono però gli aspetti positivi dell’alcol contenuto nel composto, ci sono molti altri motivi per cui se ne sconsiglia il suo utilizzo.

In genere, una buona regola consigliata da molti esperti di bellezza è scegliere prodotti con un contenuto di alcol pari al 5% o anche meno, perché in tal caso il prodotto evapora immediatamente a contatto con la pelle e non crea nessun fastidio all’epidermide. Ma il livello di alcol presente nell’acqua di colonia è molto più alto di questo valore. È infatti circa il 70 e l’80% della sua composizione. Di conseguenza, non può essere utilizzata da persone allergiche ai profumi che in realtà sono allergiche all’alcol in essi contenuti.

Inoltre questo alcol contribuisce a rendere la pelle estremamente secca e facilmente irritabile o essere fonte di infiammazioni perché tende ad eliminare la naturale protezione di grasso dello strato epidermico superficiale. L’alcol ha anche proprietà igroscopiche, ossia attrae l’acqua e di conseguenza asciuga la pelle facendola screpolare più facilmente. Come risultato, abbattendo la barriera protettiva naturale della pelle, distrugge nel lungo periodo le sostanze nutritive di cui la nostra pelle ha bisogno per mantenersi in salute e quindi può favorire la formazione dell’acne e un peggioramento generale delle infiammazioni cutanee.

Prodotti con profumazioni naturali vs fragranze a base alcolica

ACQUA DI COLONIA: COSA POSSO USARE AL SUO POSTO

Generalmente chi sceglie questo composto lo fa perché preferisce delle fragranze delicate e non invasive come i profumi. Se però la tua pelle è sensibile e reagisce facilmente a sostanze a base di alcol, ci sono diversi prodotti che puoi utilizzare in sostituzione grazie alla loro profumazione naturale. Se stiamo parlando di un detergente, un prodotto naturale, alcool-free e a base di ingredienti naturali come Eco Masters Chamomille Detergente Viso può rappresentare un’alternativa ideale. Si tratta di un nuovo prodotto della gamma Eco Masters per le pelli sensibili e delicate con una leggera e piacevole profumazione di camomilla che aiuta a detergere la pelle e ad idratarla in profondità in maniera completamente naturale e a regalare nello stesso momento un profumo alla tua pelle senza incorrere nelle controindicazioni dell’acqua di colonia. Per accompagnare questo prodotto, si consiglia anche il Chamomille Face Spray, un tonico viso ideale per rinfrescare la pelle sensibile nel corso della giornata che idrata e purifica la pelle senza irritarla. Mentre l’estratto di camomilla contenuto nella formulazione garantisce una piacevole fragranza e attenua le infiammazioni e i rossori tipici della cute sensibile. Entrambi questi prodotti si prendono cura della tua pelle in maniera delicata e assicurano una piacevole profumazione naturale.

Invece un suggerimento specifico per gli uomini che si preoccupano della salute della propria barba e che hanno una pelle grassa, ma che al contempo non vogliono rinunciare alla piacevole profumazione che l’acqua di colonia regala, si consiglia l’utilizzo di un prodotto naturale per la cura della propria barba.

Un rimedio efficace in questo caso è ricorrere ad un olio per barba naturale privo di alcol comeEco Masters Beard Oil, un olio in grado di assicurare un’idratazione del pelo della barba e della pelle sottostante efficace e che conferisce nello stesso tempo alla barba un profumo non aggressivo, senza dimenticare il beneficio che assicura a livello di morbidezza della barba.

Scegliere di utilizzare prodotti di bellezza che includano queste sostanze chimiche o a base di alcol come l’acqua di colonia è davvero una scelta che spetta a te. Se possono essere utili per proteggere i prodotti dai batteri e rendere alcuni ingredienti più efficaci nel breve periodo, alcune di queste sostanze possono danneggiare e irritare la tua pelle e salute. Ti consigliamo quindi di leggere attentamente le etichette e utilizzare solo i prodotti con gli ingredienti giusti per la tua pelle. Sii saggio e pensa a cosa è meglio per la te.

Iscriviti alla nostra newsletter